Il Sorriso delle Ali Fiammeggianti - 2005

Festival di Cultura e Legalità, dedicato a Paolino Avella 27/29 Maggio 2005 Pollena Trocchia Na - Palazzo Capece Minutolo.La copertina del Depliant di presentazione del Festival

Ci sono a volte eventi nella vita, parafrasando un passaggio di una canzone di De Andrè (Via del Campo, dove avverte che dai diamanti non nasce niente mentre dal letame possono nascere i fiori), che danno l’impressione di un riscatto. Un evento triste in quanto luttuoso, prodotto peccaminoso di una micro-criminalità capace di produrre macro-disgrazie, la morte cioè di un ragazzo per il tentato furto di un motorino, rappresenta in sé, in valore assoluto, il letame della società, l’annientamento della speranza, la fine dei progetti della dignità e della coscienza umana di evolvere, di elevarsi dalle bassezze materiali.
Letame in quanto scarto, eppure, per ossimoro, capace di fertilizzare un sogno, dare alimento a una pianta che ha voglia di ramificare, e magari, in una futura stagione, dare frutti. L’amore intorno a quel ragazzo, Paolino Avella, mostra una continua metamorfosi, dalla disperazione alla commemorazione, dal ricordo all’insegnamento.
Lungi dal farlo diventare un vessillo della legalità, Paolino potrebbe rappresentare piuttosto un nobile pretesto, concreto, per operare per la legalità, che se si parla di            adolescenti, di esseri in divenire, da pigmalionizzare nella loro dimensione umana e non bestiale (verrebbe da citare per antitesi il Vanni Fucci nell’inferno dantesco, Vita bestial mi piacque e non umana), equivale a dire operare per la cultura.
La finalità delle iniziative del Festival “Il sorriso delle ali fiammeggianti” è insito nell’organizzazione, nel mettere in campo attività laboratoriali, nel diffondere bandi di concorso che stimolino la fantasia e la ricerca di adolescenti e di adulti, nell’educare i più giovani a giudicare e non solo ad essere oggetto di giudizio.
Il tema della legalità – non è inutile ripeterlo – sarà trasversale a tutte le  mani-festazioni artistiche, per sensibilizzare ai valori della vita e della corretta convivenza civile.
Tante attività, dalla letteratura al teatro, dalla musica alla pittura, dalla fotografia al cinema, avranno una visibilità finale nel mese di maggio del 2005, da venerdì 27 a domenica 29 maggio, con un calendario di appuntamenti, dove si incroceranno le     esperienze dei ragazzi (e in genere di chi parteciperà ai concorsi) con quelle di attori e cantanti professionisti.
Dall’imbrunire a sera inoltrata un continuo di spettacoli e premiazioni, concerti e free stage musicali, conferenze e dibattiti, presentazioni di libri e incontri con scrittori, attori, registi, artisti.
Sarà in tre giorni come illudersi di sintetizzare, in un arco di tempo molto ristretto, le esperienze estetiche dell’esistenza.
Vedere la bellezza dell’espressione pittorica su una tela; amare la poesia e il teatro, cioè la parola nell’architettura di un verso e di una rappresentazione; cogliere le immagini in movimento, dei cortometraggi e dei film, e quelle rubate al movimento, della fotografia: quanti volti possiede l’arte?
Certamente in alcuni di essi sapranno specchiarsi i desideri di tutti quelli che a queste iniziative vorranno prendere parte (iniziative, è bene ricordarlo, nate dall’entusiasmo di tanti, in primo luogo dell’avvocato Alfredo Avella, padre di Paolino e responsabile dell’Associazione “Paolino Avella” Onlus, e della prof. Alessandra Buccino, dirigente scolastico della Scuola Media Statale “Raffaele Viviani” di Pollena Trocchia).

Vincenzo De Luca

Il 5 aprile del 2003, a San Sebastiano al Vesuvio (in provincia di Napoli), il giovane Paolino Avella perdeva la vita a pochi metri dal Liceo da cui proveniva, nel tentativo di sfuggire al furto del proprio motorino ad opera di due balordi.
Dopo le manifestazioni dettate dall’emozione del momento, gli amici, i docenti e i genitori di Paolino, ritennero di non far disperdere l’ondata di solidarietà e l’insegnamento che la tragica vicenda aveva dettato in ognuno di loro, e nella popolazione intera dei Comuni interessati.
Nasce così l’Associazione “Paolino Avella” Onlus che, insieme agli studenti e ai docenti dei due Istituti frequentati dal ragazzo (Scuola Media Statale “Raffaele Viviani” di Pollena Trocchia e Liceo Scientifico Statale “Salvatore Di Giacomo” di San Sebastiano al Vesuvio), si propone di sviluppare percorsi di legalità capaci di incidere sulla popolazione in generale dell’area di interesse, e in particolare sulle fasce pre-adolescenziali e adolescenziali.
Prima azione dell’Associazione è stata la creazione di un percorso didattico che, attraverso dibattiti, attività di ricerca, borse di studio e produzione di elaborati, conduca i giovani alla ricerca di un linguaggio comune, per educare alla legalità i propri coetanei e il mondo degli adulti.
Le prime esperienze maturate in questo difficile campo, e l’esigenza di ricercare sempre nuovi spazi nei quali far confluire le sane potenzialità delle nuove generazioni, hanno fornito lo stimolo  per la realizzazione di un progetto il cui nucleo centrale è costituito da una rassegna di arte e cultura che si articola nelle varie forme di espressione, attraverso le quali i giovani delle scuole di ogni ordine e grado possono proporsi, diventando loro stessi strumenti di divulgazione dei fondamentali principi di legalità e solidarietà che sono alla base della nostra società e, più in generale, della convivenza pacifica dei popoli. 
Se tutto ciò è ambizioso, ci accingiamo a farlo con modestia ma con impegno, nella ferma convinzione che solo in tal modo si possono combattere e contrastare le tante forme di devianze sociali di cui sono piene le cronache giornaliere.
Il titolo, infine, che abbiamo scelto per la manifestazione merita un chiarimento. Il senso è esplicito nel sottotitolo “Festival di cultura e legalità”, e fortemente implicito nella dicitura “Il sorriso delle ali fiammeggianti”. E’ presa dall’opera omonima di Mirò, e ci piace in quanto evoca con quei tre termini positivi, sorriso - ali - fiammeggianti, la bellezza dell’esistenza, che vola in alto sopra le bassezze umane e materiali e regala la gioia e il  calore, rendendo immortale la nostra essenza più nobile.

Associazione Paolino Avella Onlus - Alfredo Avella

Concorso di Poesia: Premio “Raffaele Viviani”
Regolamento:

a. il concorso è aperto a tutti gli alunni frequentanti le scuole medie e superiori. Non è richiesta alcuna tassa di iscrizione/partecipazione;
b. si può partecipare con uno o più componimenti poetici, fino a un massimo di tre poesie;
c. è ammesso ogni tipo di componimento e struttura (sonetto, poesia in rima, versi liberi, settenari, endecasillabi…);
d. il tema della poesia è libero; 
e. i componimenti vanno inviati o consegnati a mano, in busta chiusa, entro e non oltre il 25 aprile 2005 a: Associazione “Paolino Avella” Onlus, via S. Fusco 35, 80040 Pollena Trocchia (Na). Farà fede il timbro postale;
f. il giudizio delle due Commissioni esaminatrici (“giuria tecnica” e “giuria ragazzi”) è insindacabile;
g. il premio per il primo classificato (a giudizio della Commissione “giuria tecnica”) è di 200 (duecento) euro, per il secondo di 100 (cento) euro, per il terzo di 100 (cento) euro. I premi per i primi tre classificati (a giudizio della Commissione “giuria ragazzi”) consistono in targhe ricordo e in prodotti tipici del Vesuvio.

Un analogo bando di concorso riguarda gli alunni frequentanti la Scuola Media Statale “Raffaele Viviani” di Pollena Trocchia (Na), e tutti gli alunni delle classi quinte delle scuole elementari del territorio urbano.

L’organizzazione del Festival si riserva la possibilità di assegnare ulteriori premi oltre quelli indicati nel bando.

Concorso di Scrittura Creativa: Premio “Paolino Avella”
Regolamento:

a. il concorso è aperto a tutti gli alunni frequentanti le scuole medie e superiori. Non è richiesta alcuna tassa di iscrizione/partecipazione;
b. si può partecipare con un solo racconto, di senso compiuto, formato da un massimo di ottanta parole, sul tema della legalità, contenente le seguenti otto parole: 1. amico, 2. violenza, 3. mano, 4. sorriso, 5. veloce, 6. rispetto, 7. speranza, 8. vita.

Nelle ottanta parole saranno conteggiati anche gli articoli e le congiunzioni, ma non i segni di punteggiatura;
c. per una più veloce verifica, il candidato è invitato a sottolineare con una penna rossa le otto parole di cui al punto b. del regolamento, e a scrivere sopra ogni parola il numero progressivo, da uno a ottanta (limite massimo);
d. i componimenti vanno inviati o consegnati a mano, in busta chiusa, entro e non oltre il 25 aprile 2005 a: Associazione “Paolino Avella” Onlus, via S. Fusco 35, 80040 Pollena Trocchia (Na). Farà fede il timbro postale;
e. il giudizio delle due Commissioni esaminatrici (“giuria tecnica” e “giuria ragazzi”) è insindacabile;
f. il premio per il primo classificato (a giudizio della Commissione “giuria tecnica”) è di 300 (trecento) euro, per il secondo di 200 (duecento) euro, per il terzo di 100 (cento) euro. I premi per i primi tre classificati (a giudizio della Commissione “giuria ragazzi”) consistono in targhe ricordo e in prodotti tipici del Vesuvio.

Un analogo bando di concorso riguarda gli alunni frequentanti la Scuola Media Statale “Raffaele Viviani” di Pollena Trocchia (Na), tutti gli alunni delle classi quinte delle scuole elementari del territorio urbano.

L’organizzazione del Festival si riserva la possibilità di assegnare ulteriori premi oltre quelli indicati nel bando.

Concorso di Fotografia: Premio “Luci della città”
(dal titolo del film di Charlie Chaplin “City Lights”, 1931)
Regolamento:

a. il concorso è strutturato in due sezioni:
1) “suggestioni dal territorio” (analisi dei luoghi, naturali o modificati dagli uomini);
2) “i giorni e la vita” (analisi del tempo, di brandelli di civiltà nelle manifestazioni            quotidiane dell’esistenza);
b. il concorso è aperto a tutti gli alunni frequentanti le scuole medie e superiori. Non è richiesta alcuna tassa di iscrizione/partecipazione;
c. ogni partecipante può concorrere con una o più fotografie (fino a un massimo di cinque per ogni sezione).
Il formato delle fotografie dovrà essere 25 cm. x 30 cm. (circa);
d. le fotografie, unitamente al titolo dato alle stesse, ai dati personali del partecipante   (cognome e nome,  recapito postale e  telefonico),  dovranno essere inviate o consegnate a mano, in busta chiusa, entro il 30 aprile 2005, a: Associazione “Paolino Avella” Onlus, via S. Fusco 35, 80040 Pollena Trocchia (Na). Farà fede il timbro postale;
e. con tutti i lavori presentati sarà allestita una mostra temporanea in occasione del Festival (27-29 maggio 2005);
f. una Commissione esaminatrice decreterà, per ognuna delle due sezioni, le due fotografie vincitrici. Il premio per i primi due classificati di ogni sezione è di 100 (cento) euro ciascuno;
g. il giudizio della Commissione esaminatrice è insindacabile. La premiazione avverrà in una delle serate del Festival.

L’organizzazione del Festival si riserva la possibilità di assegnare ulteriori premi oltre quelli indicati nel bando.


Concorso di Cortometraggi: Premio “I bambini ci guardano”
(dal titolo del film di Vittorio De Sica, 1943)
Regolamento:

a. il concorso è aperto a tutti gli alunni frequentanti le scuole medie e superiori. Non è richiesta alcuna tassa di iscrizione/partecipazione;
b. ogni partecipante può concorrere con uno o più cortometraggi (sul tema della legalità, anche uno spot sulla legalità) della durata massima di 20 minuti ciascuno;
c. le videocassette (formato VHS o DVD), unitamente ai dati personali del partecipante, o di uno del gruppo di realizzazione del cortometraggio (cognome e nome, recapito postale e telefonico), dovranno essere inviate o consegnate a mano, in busta chiusa, entro il 30 aprile 2005, a: Associazione “Paolino Avella” Onlus, via S. Fusco 35, 80040 Pollena Trocchia (Na). Farà fede il timbro postale;
d. il giudizio delle due Commissioni esaminatrici (“giuria tecnica” e “giuria ragazzi”) è insindacabile;
e. il premio per il primo classificato (a giudizio della Commissione “giuria tecnica”) è di 300 (trecento) euro, e per il secondo di 200 (duecento) euro. I premi per i primi due classificati (a giudizio della Commissione “giuria ragazzi”) consistono in targhe ricordo e in prodotti tipici del Vesuvio;
f. la premiazione, e la visione dei filmati pervenuti, avverrà in una delle serate del Festival.

L’organizzazione del Festival si riserva la possibilità di assegnare ulteriori premi oltre quelli indicati nel bando.

Sezione proposte artistiche
Adesioni per eventi di arte, teatro,musica, cinema, mostre, dibattiti e conferenze

L’organizzazione del Festival mette a disposizione di singoli artisti, associazioni culturali, e quanti altri ne facciano richiesta, luoghi e attrezzature per eventi artistici, letterari, teatrali, cinematografici, musicali, e culturali in genere.
Si dà la possibilità di utilizzare spazi al chiuso (ad esempio per mostre di fotografia, pittura, scultura…) e all’aperto (per esposizioni di sculture, stand anche enogastronomici…), anche per concerti di musica classica e leggera, rappresentazioni teatrali, proiezioni di film, cortometraggi e documentari, dibattiti, conferenze…
Le varie proposte, che saranno vagliate da una Commissione esaminatrice, vanno inviate, entro e non oltre il 15 aprile 2005, in busta chiusa, a: Associa-
zione “Paolino Avella” Onlus, via S. Fusco 35, 80040 Pollena Trocchia (Na), allegando i propri dati personali (cognome e nome, recapito postale e telefonico), indicando la tipologia della proposta, e tutte le notizie necessarie.
Si prega di indicare sulla busta la dicitura “Proposta aggiuntiva al Festival”.   I candidati, le cui adesioni saranno approvate dalla Commissione, saranno avvisati entro la fine del mese di aprile a mezzo lettera o telefono, per concordare i tempi e le modalità di realizzazione delle iniziative.

Coloro che desiderano esibirsi come cantanti/musicisti sono invitati a indicare i brani che intendono proporre. Per consentire a tutti i candidati di partecipare, si richiede a ogni performance una durata massima di circa 40 minuti.  Il pubblico potrà votare, nelle prime due serate, il cantante o il musicista o il gruppo preferito. Il vincitore sarà invitato quale ospite musicale della serata finale del Festival, prevista per il 29 maggio.

Il materiale pervenuto (poesie, racconti, fotografie, cortometraggi) potrà essere ritirato dai rispettivi autori entro e non oltre 15 giorni dalla conclusione del Festival. Oltre quella data lo stesso materiale non sarà più restituito.

 

 

 

 

Intitolazione tendostruttura Liceo Scientifico